Delle ferie

Mi sa che, indipendentemente dalle mie decisioni, la mia testa è già un po’ in ferie.

Qualche post uscirà forse ancora, indipendentemente da quelli, già preparati, con le foto. Poi magari programmerò ancora un po’ di articoletti usciti per Il Sole 24 Ore, come le scorse estati.

Ma ho la sensazione che, oltre alla mia, sia già in ferie anche la testa di molto lettori…

Lorenzo Mattotti, manifesto per Le monde de Poche 1997

Lorenzo Mattotti, manifesto per Le monde de Poche 1997

Diffondi questo post:
Facebook Twitter Plusone Linkedin Digg Delicious Reddit Stumbleupon Tumblr Posterous Email Snailmail

Diciamo che sono in ferie

Brrrrr

Brrrrr

Sì diciamolo. Ci si torna a far vivi con la Befana (a parte qualche Dettaglio, magari).

Buone feste anche a voi!

Diffondi questo post:
Facebook Twitter Plusone Linkedin Digg Delicious Reddit Stumbleupon Tumblr Posterous Email Snailmail

Dell’estate e delle ferie

Lorenzo Mattotti, manifesto per Le monde de Poche 1997

Lorenzo Mattotti, manifesto per Le monde de Poche 1997

.

Ooooops. Di colpo è luglio, fa un caldo che rimbambisce, e la mia testa si rifiuta di applicarsi al blog (e non solo).

Quindi di colpo questo blog va in ferie. Appena ho un attimo appronto un piano di re-play (come l’anno scorso).

Poi magari qualche post mi scappa lo stesso. Non si può mai dire. Ma senza impegno.

Buona estate!!

Diffondi questo post:
Facebook Twitter Plusone Linkedin Digg Delicious Reddit Stumbleupon Tumblr Posterous Email Snailmail

Di Angelo Fabbri, di cui ero amico anch’io

Leggo pochi romanzi, troppo pochi. Molta poesia, molti fumetti, molte letture critiche non mi lasciano molto altro tempo. Ho fatto un’eccezione per questo che non è in verità un romanzo, poiché racconta una storia vera, accaduta molti anni fa, di un gruppo di amici, a Bologna, nei tardi anni Settanta, al cui centro c’era Angelo Fabbri, poi assassinato in circostanza misteriose la notte del 30 dicembre 1982. Si tratta di Ero amico di Angelo Fabbri. Bologna: un gruppo di studenti, un delitto del Dams, scritto da Enrico Gulminelli, pubblicato da Pendragon, prefazione di Carlo Lucarelli.

Quello di Angelo è stato il primo dei cosiddetti delitti del Dams, categoria incerta ma mediaticamente riuscita, a cui apparteneva anche il delitto Alinovi e altri due, assai più incertamente collegabili al Dams. Il libro ha il grande pregio di parlare abbastanza poco del delitto in sé, mentre racconta molto della vita di quegli anni e della grande amicizia che legava l’autore ad Angelo e agli altri del gruppo.

Ero amico anch’io di Angelo Fabbri, e conoscevo più o meno bene praticamente tutte le persone di cui nel libro si parla. Alcune le frequento tuttora. Per questo non sono la persona più indicata per dare un giudizio critico: troppo coinvolgente per me, troppa memoria, troppa malinconia e troppa angoscia.

Ma forse la stessa malinconia e la stessa angoscia, ribaltati in positivo come sa fare la letteratura, potrebbero arrivare anche a chi non abbia vissuto in prima persona quelle esperienze. Un buon libro è fatto anche per questo.

Diffondi questo post:
Facebook Twitter Plusone Linkedin Digg Delicious Reddit Stumbleupon Tumblr Posterous Email Snailmail

Chiuso per ferie

Lorenzo Mattotti, manifesto per Le monde de Poche 1997

Lorenzo Mattotti, manifesto per Le monde de Poche 1997

Speravo di aver tempo per un ultimo post. E invece no. Vado in ferie.

Ho lasciato alcuni post “indiani” programmati per le prossime settimane, in modo che questo luogo non appaia proprio del tutto vuoto, nel frattempo.

In ogni caso, e sino al prossimo post “non-indiano”, questo blog è
CHIUSO PER FERIE.

Buona estate a tutti!

Diffondi questo post:
Facebook Twitter Plusone Linkedin Digg Delicious Reddit Stumbleupon Tumblr Posterous Email Snailmail