Archivi

*****

Ancora un altro me. Blog di poesia

Temi

allitterazione antisemitismo antologie architettura Arte arti ascolto ascolto musicale asemic writing audiovisivo autobiografismo avanguardie battito blog calligrafia canzone carattere tipografico caratteri lineari cinema città città invisibili climax comicità commenti comunismo corpo corteo coscienza credenza crescendo critica decadentismo definizione del fumetto design industriale dettagli diario d'India diario greco divertimento divinità efficacia simbolica elefante endecasillabo enjambement epica episodi ermeneutica erotismo fantascienza fantasy fascismo focalizzazione font fotoromanzo fruizione fumetto-pensiero fumetto su schermo funzionalismo generi geroglifici gesuiti graphic novel Grecia grottesco guardare guardare e leggere horror humor nero identità ideologia illustrazione immagini impaginazione improvvisazione inchiostri India indignados infografica ipertesto jazz leggere letteratura per l'infanzia letteratura popolare lettering lettura lirica lirismo liste manifestare manifesto mappe mentali marchio media melodramma metrica miracoli mistery misticismo mito mitologia musica contemporanea narratività narrazione per immagini nascita del fumetto nazismo neoplasticismo nudo nuovo onomatopea optocentrismo oralità origine della scrittura ornamento orrore ottonario ottosillabo paronomasia paura pennello petrarchismo piazza pittura plagio poesia civile poesia concreta poesia in dialetto poesia in prosa poesia orale poesia spagnola poesia visiva poetiche poetry comics politica pornografia principio del parallelismo progetto propaganda prostituzione racconto radio ragione razionalismo razionalismo selvaggio razzismo Reale religione reportage respiro ribaltamento ricerca riduzione dell'io riproduzione a stampa risoluzione ritmo rito Romanticismo romanzo sacro satira scrittura serialità simbolismo simbolo sinsemia sintassi social network sonetto spazio bianco stilizzazione storiografia sublime suono supereroi surrealismo svastica tabelle teatro televisione tempo del racconto tempo raccontato tensione teologia tipografia traduzione underground verso verso libero visivo/sonoro voce Web Web 2.0

Persone

Abel Lanzac Adolf Loos Adrian Frutiger Aki Kaurismäki Alain Keler Alan Lomax Alan Moore Alberto Breccia Alberto Salinas Al Capp Aldo Nove Alessandra Carnaroli Alessandro Broggi Alessandro Tota Alex Raymond Alfonsina Storni Alfred Alfredo Giuliani Algirdas J. Greimas Allen Ginsberg Alvin Lustig Al Williamson Amelia Rosselli Ananda K. Coomaraswamy Andrea Bruno Andrea Catellani Andrea Inglese Andrea Pazienza Andrea Raos Angelo Fabbri Anthony Braxton Antonio Rubino Ardengo Soffici Armando Rojas Guardia Armin Hofmann Arnold Böcklin Art Spiegelman Attilio Micheluzzi Azzurra De Paola Baru Benito Jacovitti Ben Katchor Billie Holiday Bill Watterson Blutch Bryan Talbot Burne Hogart Canaletto Caran d'Ache Carl Barks Carlos Gardel Carlos Gomez Carlos Meglia Carlos Sampayo Carlos Trillo Caterina Davinio Chardin Charles Bukowski Charles Burns Charles M. Schulz Charles Mingus Chester Brown Christophe Blain Chris Ware Claude Lévi-Strauss Conlon Nancarrow Corrado Costa Craig Thompson Cristina Alziati Crockett Johnson Daniel Clowes Daniele Brolli Dante Alighieri Dario Morgante Dave McKean David B. Davide La Rosa Davide Toffolo David Mazzucchelli Denis Diderot Denise Schmandt-Besserat Diane Arbus Didier Lefèvre Dino Battaglia Dino Buzzati Dino Campana Dylan Thomas Edmond Baudoin Edmund Burke Edoardo Sanguineti Edo Chieregato Edogawa Ranpo Edward Weston Elio Pagliarani Elzie Crisler Segar Emilio Salgari Emmanuel Guibert Enki Bilal Enrico D'Elia Enrico Gulminelli Eric Gill Ernie Bushmiller Fabio Gadducci Federico García Lorca Ferenc Pintér Fernanda Romagnoli Filippo Scozzari Filippo Tommaso Marinetti Flavio Montelli Floyd Gottfredson Francesca Ghermandi Francesca Matteoni Francesco Cattani Francesco Petrarca Franco Marcoaldi Franco Matticchio Frank Frazetta Frank Miller Frank Zappa Frantz Duchazeau Fred Bernard Frederic Goudy Fredric Wertham Friedrich Nietzsche Gabriele Basilico Gabriele Frasca Gabriella Giandelli Geo McManus George Herriman George Lakoff Georg Kurt Schauer Giacomo Monti Giacomo Nanni Giancarlo Berardi Gianfranco Manfredi Gianluca Capuano Gianluca Costantini Gian Luigi Bonelli Gian Maria Cervo Gianni Bono Gianni De Luca Giorgio Carpinteri Giovanbattista Bodoni Giovan Battista Carpi Giovanna Sicari Giovanni Della Casa Giovanni Giudici Giovanni Lussu Giovanni Pascoli Gipi Giuliano Mesa Giulio Cesare Cuccolini Guido Crepax Guido Mazzoni Guillaume Dufay Guy Peellaert György Lukács Harold Bloom Hayao Miyazaki Herb Lubalin Huai Su Hugo Pratt Igort Immanuel Kant Inio Asano Ivan Fedeli Ivo Milazzo Jackson Pollock Jacopo da Lentini Jacques Geninasca Jacques Lacan James Mosley Jan Tschichold Jan Vermeer Jean-Baptiste-Siméon Chardin Jean-Claude Forest Jean-Claude Götting Jean-Philippe Peyraud Jean Giraud Jerome Charin Jerry Kramsky Jerónimo Nadal Jim Woodring Jiro Taniguchi Joann Sfar Joe Matt Johann Sebastian Bach Johann Wolfgang von Goethe John Coltrane Jorge Luis Borges Jorge Zentner José Luis Salinas José Muñoz Juan Ramón Jiménez Julian Assange Jérémie Dres Lello Voce Leonardo Gori Leo Ortolani Lope de Vega Lorena Canottiere Lorenzo Mattotti Luca Boschi Luca Francesconi Magnus Manfredi Giffone Manuele Fior Manu Larcenet Marcello Jori Marco Bini Marco Giovenale Marco Vannini Maria Grazia Calandrone Mario Luzi Meister Eckhart Melinda Gebbie Michelangelo Michele Santoro Michele Zaffarano Miguel Cervantes Miguel Ángel Martín Miles Davis Milo De Angelis Moebius Mulholland Dave Nicolas Boileau Nicolas Poussin Omero Ornette Coleman Osamu Tezuka Paolo Bacilieri Paolo Zazzaroni Patrizia Dughero Paul Auster Paul Chadwick Paul Gillon Paul Klee Paul Renner Pierre Boulez Pieter Bruegel il vecchio Piet Mondrian Pietro Scarnera Piet Zwart Platone Pseudo-Longino Quino Raffaello Ray Bradbury Ray Moore Reiser René Goscinny Richard Felton Outcault Robert Bringhurst Robert Musil Roberto Baldazzini Roberto Tagliaferri Robert Williams Robin Wood Roland Topor Roman Jakobson Rustico Filippi Salvator Rosa Samuel H. Monk Sarah Moon Saul Steinberg Scott McCloud Sergio Bonelli Sergio Ponchione Sergio Rotino Sergio Tofano Sergio Toppi Silvia Ziche Stefano Ricci Sto Stéphane Mallarmé Suehiro Maruo Sydney Jordan Theodor H. Nelson Theodor W. Adorno Thierry Smolderen Tim Berners-Lee Tim Burton Tito Faraci Tiziano Sclavi Tove Jansson Ugo Foscolo Umberto Fiori Umberto Piersanti Vanna Vinci Vaughn Bodé Walt Disney Walt Kelly Warren Chappell Wilhelm Busch Will Eisner William Blake William Hogarth William Morris Winsor McCay Zhang Xu

Di Caterina Davinio e dei miei dubbi

XVI

(Nella nebbia-fine)

Osavo,
ma non oltre il confine del
tuo passo
Perché non esistessero verità oltre te
E null’altro su cui posare lo sguardo.

E
quando il freddo la sapeva lunga sulle
mie ossa
di creatura scaltra ma senza piani
ricordavo che non potevo,
e l’indomani sarei
(andata)
dove terminano
tutte le stazioni
E le ore
E le curve
E i punti di fuga
E le infinite funzioni matematiche.

______________________________________________________________________

AUTOSTRADE

I
Volavo
come un angelo
dalle grandi ali
dolorose
per dimostrarti
crederti
cederti
sussurrarti
un avanzo di paradiso,
ubriaca e compunta
dinanzi
all’erebo e alla pietà
che veleggiano
alla velocità del suono
sulle curve
sotto i tunnel
intorno ad ampie costate
irte d’abeti
a laghi come specchi
e poi nel vento di lungomare
tra palmizi,
venuto da lontanissimo.

IV
E il cielo mi faceva
azzurra,
pesava su di me
insostenibile
di sole
tra le ciglia,
e pregavo
con la mente
accesa,
diamantina,
scintillante di blu
come le infinite speranze
distanze
e,
mio respiro (splendente),
felice
come mai.

 

____________________________________________________________________

pHo sotto gli occhi questa raccolta di Caterina Davinio, Fenomenologie seriali, Campanotto 2010, testi italiani con traduzione a fronte in lingua inglese, e sono perplesso. Se i testi fossero tutti come il primo dei tre che riporto qui sopra, potrei dire che si tratta di una buona raccolta; e invece la maggior parte sono più simili ai due testi successivi (parti diverse, queste, di una sezione unitaria più ampia), che non riesco a farmi piacere.

Eppure i tre brani condividono una certa uniformità stilistica, e non sono poi così diversi tra loro. Che cos’è che rende il primo, almeno ai miei occhi, un testo riuscito, e gli altri due no?

Ma i dubbi si assommano ai dubbi. Potrei dire che, in generale, questo tipo di stile poetico non incontra in generale i miei favori. Nonostante questo, il primo testo continua a piacermi. Per gli altri due non c’è un “nonostante questo”: non c’è niente in loro che riscatti lo stile che non so apprezzare. Ma se il problema è in generale un problema di stile, e non di singolo testo (anche se poi i singoli testi possono fare eccezione, di quando in quando) mi resta comunque il dubbio che la mia difficoltà ad apprezzarlo sia legata a un qualche tipo di inevitabile partigianeria per stili più vicini ai miei, come poeta.

Per fortuna il primo testo mi piace, il che mi permette di pensare che il mio giudizio possa non essere troppo di parte. Non è facile però capire perché quello mi funzioni e gli altri no. Proviamo.

Intanto, sul mio problema generale con lo stile di Caterina Davinio. Mi verrebbe da dire, come di getto, che questo modo di frazionare i versi sta agli antipodi di quello auspicato (e praticato) da Amelia Rosselli, a cui mi sento viceversa molto vicino. Ho citato varie volte questa affermazione della Rosselli nel saggio intitolato “Spazi metrici”: “In effetti nell’interrompere il verso anche lungo ad una qualsiasi terminazione di frase o ad una qualsiasi sconnessa parola, io isolavo la frase, rendendola significativa e forte, e isolavo la parola, rendendole la sua idealità, ma scindevo il mio corso di pensiero in strati ineguali e in significati sconnessi. L’idea non era più nel poema intero, a guisa di un momento di realtà nella mia mente, o partecipazione della mia mente ad una realtà, ma si straziava in scalinate lente, e rintracciabile era soltanto in fine, o da nessuna parte.” È proprio questa sensazione che conduce la Rosselli a utilizzare un verso che quasi non è un verso, in cui viene sottolineata la continuità anziché la frattura del discorso nell’andare a capo.

Qui, viceversa, è dominante la frattura. In questo, di per sé, niente di male, se non un pericolo; ovvero che la frattura, ripetuta molte volte, finisca per diventare il motivo ricorrente e ossessivo. Se questa ossessione è controllata, può essere anche un forte strumento espressivo, proprio come accade nel primo dei tre componimenti qui sopra. Se invece non lo è, finisce per ingenerare noia, stanchezza, senso di ripetizione, come succede nei successivi due.

Nel primo componimento il dominio della frattura sembra coerente col discorso che viene condotto, con questa esitazione, questa “assenza di piani”, con questo non arrivare a fare, che culmina nel bel crescendo degli ultimi quattro versi, che deve la sua forza proprio alla presenza (e dominanza) della frattura. Il verso che si allunga proprio mentre tematizza l’astrazione e l’impossibilità di raggiungere gli asintoti, è una bella invenzione conclusiva, e un bel modo per far finire le parole proprio nel punto più forte della progressione.

Quindi, bene, brava. Ma poi il miracolo non si ripete più. Non posso riportare ovviamente tutta la raccolta, ma qualche altro componimento ha un’efficacia simile a questo. La maggior parte, purtroppo assomiglia invece di più ai successivi.

In loro la frattura del verso breve tende a ripetersi, a stancare. E poi entrano in scena gli “angeli / dalle grandi ali /dolorose”, i “laghi come specchi”, “la mente / … /diamantina, / scintillante di blu / come le infinite speranze”, e tanti altri orpelli del poetichese. Non che non li si possa proprio usare (persino nei versi della Rosselli ci sono cose così) ma se vengono spiattellati in questo modo, posti al centro del discorso (e qui la frattura agisce da focalizzatore, e come!), senza nessuna presa di distanza, come se non fossero espressioni usurate dall’uso poetico, allora io proprio non posso permettermi di apprezzare.

Umberto Saba era capace persino di usare la rima fiore/amore, definendola “la più antica difficile del mondo”: era ben consapevole che la difficoltà derivava dalla sua estrema usura. Se non si è consapevoli di questo, oppure, pur essendone consapevoli, non si è capaci di uscire dalla calotta delle modalità usurate, non si ottengono grandi risultati – o, almeno, non grandi per me.

Diffondi questo post:
Facebook Twitter Plusone Linkedin Digg Delicious Reddit Stumbleupon Tumblr Posterous Email Snailmail

4 comments to Di Caterina Davinio e dei miei dubbi

  • Gianni

    Conoscendo la scrittura della Davinio, che considero una voce forte della contemporaneità, desidero commentare il post, e dico subito che non ne condivido l’impostazione e gli argomenti. Qui la critica militante non c’entra e non rende un buon servigio alla critica chi, poeta, o aspirante tale (non conoscendo Barbieri ho fatto una rapida ricerca on line), per analizzare il lavoro altrui parte, come termine di paragone, dal proprio e dai propri affini, anche se la cosa è forse in parte inevitabile… Del resto il recensore confessa di partire da se stesso, tenta di razionalizzare e di analizzare null’altro che la propria totale – e probabilmente reciproca – mancanza di affinità con questa autrice validissima e originale nel panorama italiano, a mio avviso non rendendo giustizia a un libro bellissimo. Ognuno nel proprio blog, critico, poeta o semplice lettore, nella propria finestra autopromozionale, scrive quello che vuole, ci mancherebbe!, fa cultura, parla e sparla di ciò che vuole, forse dimentico che chi critica si espone a sua volta ad un giudizio critico. Io conosco questo libro e altri di questa autrice e ritengo apprezzabili sia la prima che le altre due poesie: Davinio, frequentatrice della letteratura e dell’arte visiva, è capace di immagini efficaci e taglienti, di luminosa semplicità e maestosità. E non fanno eccezione i laghi come specchi, gli angeli e la luce abbagliante del sole che inonda e rende abbacinanti e splendenti, addirittura estatici, alcuni passaggi e paesaggi di questi versi, qui del tutto estrapolati dal contesto. Dico ciò non per difendere l’autrice di cui si parla, che non ne ha bisogno, avendo un nutrito seguito di lettori ed estimatori, ma avendo molto apprezzato in particolare il libro di cui si tratta nel post e moltissimo numerose delle poesie incluse nel volume (non menzionate qui), tra l’altro finalista e segnalato in vari premi nazionali. Davinio si avvale di un linguaggio tagliente e forte, modellato su un afflato vitalistico e “fisiologico”, antiletterario, antiborghese, e tuttavia colto e sottilmente sperimentale, come sottolineato anche da Muzzioli nella postfazione e dal traduttore americano nella nota critica. Credo che andare a caccia di ipotetiche “debolezze” in questo contesto, in un libro forte e bellissimo, non renda giustizia allo stesso, non serva al lettore. Alcuni versi più deboli di altri esistono in ogni poeta, non ne sono esenti Pascoli, D’annunzio, Montale, Ungaretti e Leopardi, perfino Dante nella Divina Commedia… Scusi la sincerità. Gianni C.

    • guardareleggere

      Che il basarsi sui propri gusti sia in parte inevitabile è uno dei temi del mio discorso. Del resto, da quale altro punto di vista può partire un critico? Da quello degli altri? E come recepirebbe e valuterebbe quel punto di vista se non di nuovo dal proprio? Il punto semmai è che non ci si può fermare al semplice gusto, e se si vuole fare una critica che abbia un senso, bisogna analizzare le proprie sensazioni e i testi che le producono, alla ricerca delle ragioni testuali di ciò che si sente; e almeno, in questo modo, si fornisce a chi ci legge il criterio per valutare quello che scriviamo. Non vedo altre strade oneste, per quanto questa sia fallibile. L’alternativa sarebbe partire da dei principi forti, e valutare l’aderenza del testo a questi principi; anche questo criterio è onesto, ma lo ritengo ottuso, perché ha già deciso a priori che cosa è bene e che cosa è male, e non sarà mai capace di riconoscere la novità.
      Quanto alle “debolezze” non ne sono mai a caccia; purtroppo sono loro, semmai, che mi saltano agli occhi nonostante la mia renitenza a volerle vedere. La delusione che mi ha provocato questo libro è che, nonostante alcune composizioni al suo interno siano decisamente riuscite (come la prima che cito), la maggior parte mostra i difetti che ho spiegato. E certamente non potevo citarle tutte.
      Infine, sono contento per la Davinio che abbia tanti fan, che trovano ragione di apprezzare ciò che fa. Ma questo non incide minimamente sulla mia opinione (che peraltro riguarda esclusivamente quello di cui parlo qui) né in positivo né in negativo, e nemmeno dovrebbe. Se mi lasciassi influenzare dalla fama (in positivo o in negativo) dovrei apprezzare (o disprezzare) autori sono perché sono di grande successo. Quello che rivendico è piuttosto il fatto che il giudizio che do su un’opera è prima di tutto il mio, e si sostiene solo sull’argomentazione che lo appoggia, e se ha un pubblico valore è esclusivamente perché le mie argomentazioni hanno un valore. Questo, ovviamente, ha dei limiti, ed è fallibile; e se mi si dimostra che ho sbagliato, posso anche arrivare a riconoscerlo. Ma l’argomento della notorietà non mi interessa.
      Grazie dell’intervento.

  • Gianni

    La notorietà dell’autrice non è un argomento e non è il mio argomento; credo di aver portato degli argomenti supportati anche dall’analisi di altri critici. La prima cosa che mi chiedo di fronte a un testo poetico è se la poesia c’è o non c’è. “E il cielo mi faceva / azzurra,” è un verso bellissimo. E aggiungo che la poesia talvolta c’è in versi che conservano delle opacità e dei momenti irrisolti ed è del tutto assente nel grigiore uniforme di altri frutto di sapiente orchestrazione. Saper cogliere la poesia dipende anche da chi legge e ci sono giorni in cui non siamo in grado di trovare poesia nemmeno in Montale e Leopardi.

  • sergio

    Il giudizio espresso da Daniele Barbieri mi trova in buona sostanza concorde. Certo è che devo leggere tutta la silloge della Davinio per potermene fare un’idea complessiva “forte”. In questo un blog non può essere d’aiuto. Andrò quindi a cercare “Fenomenologie seriali” per essere confortato o sbugiardato da quanto qui dico. E dico che se “E il cielo mi faceva / azzurra” può essere un buon attacco – per quanto leggermente sdilinquito – è il resto del quarto testo di “Autostrade” che mi pare scivoli vertiginosamente verso immagini poco “affilate” e molto vicine a una rimasticatura di stilemi molto sentiti e molto detti (anche meglio). Ma è qualcosa che ho incontrato in altre sillogi di altri autori, tutti convergenti su un tipo di poesia simile a questa (e sì, altri poeti, che scrivono un differente tipo di poesia, incappano in differenti “qualcosa”; nessuno ne è esente su questa faccia di terra). Non è però la cosa che mi disturba i leggere i testi della Davinio. Quello che mi disturba in tutti, tutti i difensori di qualsivoglia poeta (scrittore) è l’acrimonia verso chi osa dire qualcosa di non elogiativo nei confronti del proprio autore o dei propri autori.
    A me che la Davinio abbia successo e venda e sia conosciuta e che “Fenomenologie seriali” sia “tra l’altro finalista e segnalato in vari premi nazionali” non può far altro che immenso piacere. Non mi fa piacere alcuno il modo in cui ci si confronta con chi si espone proponendo una sua, personale, opinabile quanto si vuole, disamina critica ai testi.
    In ultimo vorrei dire che una critica non positiva, ma certo non ingenerosa verso l’autrice quale è quella di Barbieri, mi spinge a leggere i suoi testi molto più delle pre e postfazioni positive, molto più delle critiche di critici senza nome sbandierate a mo’ di minaccia e chissà dove postate o pubblicate.
    Sarò anche io ingeneroso, sarò anche un fiancheggiatore di Barbieri, ma cavolo caro il mio Gianni C. (Celati? visto che parliamo di traduzione in inglese…), il tuo tono a mio parere “piccato”, non rende un buon servigio all’autrice.

Rispondi al post